LICEO "FILIPPO BUONARROTI"


Liceo Scientifico - Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate

 Liceo Linguistico EsaBac

Con questo documento i docenti del Liceo Filippo Buonarroti intendono prendere posizione riguardo agli avvenimenti che hanno condotto nel corso della notte tra il 22 e il 23 gennaio alla occupazione degli spazi della scuola con la conseguente impossibilità di tenere regolari lezioni negli ultimi due giorni.

I docenti condividono le considerazioni del Dirigente e si dichiarano costernati di fronte al comportamento di quell’esigua parte degli studenti che ha messo in atto l’occupazione. In entrambe le mattine abbiamo registrato da parte di questo gruppo una totale indisponibilità al dialogo, soprattutto ed in particolare nei confronti della componente docente, alla quale è stato negato l’accesso alle strutture anche nel corso della seconda giornata di occupazione, durante la quale sarebbe stato consentito l‘ingresso al solo personale ATA.

La disponibilità al dialogo nei confronti delle istanze degli studenti è il metodo con cui sono stati affrontati molti problemi nel corso degli anni, ultimo quello delle strutture rispetto al quale la scuola ha attivamente operato, promuovendo incontri tra le diverse componenti della scuola, il Comitato per il Nuovo Buonarroti e gli Enti pubblici (Provincia in primis) deputati alla cura e alla manutenzione del complesso Marchesi.

L’atteggiamento di ascolto, apertura e confronto resta in ogni caso l’asse fondamentale del processo educativo, momento essenziale per la crescita di ognuno.

Ci saremmo aspettati quindi che il dialogo fosse proseguito anche di fronte alle problematiche sollevate, con un confronto che invece, con l’occupazione del Liceo, è stato negato.

Nutriamo inoltre forti perplessità per il metodo attraverso cui queste decisioni così importanti e dirompenti vengono assunte in netta contrapposizione alla legalità. Non ci sembra un esercizio di democrazia promuovere simili iniziative trincerandosi dietro uno schermo o una tastiera, millantando identità difficili (impossibili?) da controllare. Tale metodo, del tutto deresponsabilizzante, determina che un numero ridotto di persone si arroghi il diritto di proporre (o per meglio dire imporre) attività che coinvolgono invece la vita di molti: questo tipo di situazioni, nelle quali si ignora la effettiva volontà degli altri o la si strumentalizza, impedisce che si sviluppino percorsi democratici di confronto e di discussione.

Affermate che esista un problema di mancanza di spazi dove potersi aggregare, confrontare e discutere. L’occupazione di una scuola non è una soluzione al problema. Tanto più di una scuola che ha offerto e offre nell’ambito delle proprie attività ampie possibilità di arricchimento rispetto al consueto lavoro di insegnamento.

Se il problema è veramente quello della mancanza di spazi che possano creare un ambiente meno alienante, la nostra disponibilità alla discussione c’è, come del resto c’è sempre stata in passato.

La nostra richiesta è quindi quella di mettere in atto un confronto “vero”, reale, fra le varie componenti scolastiche che rispetti le esigenze e garantisca i diritti di tutti. Ciò è possibile solo quando gli spazi della scuola sono aperti e accessibili.

I docenti: Marco Alestra, Michela Anghelone, Silvia Azzarà, Alessandro Baglini, Mirko Balestri, Francesco Barbi, Elisabetta Bartoli, Sandra Bernato, Maria Luisa Boilini, Elena Boschi, Donatella Bouillon, Candida Capolongo, Antonella Caterini,  Donatella Cavedoni, Barbara Cei, Alessio Ciampini, Leila Corsi, Marco Costagli, Ilaria Cremoni, Bartolomeo D’Angelo, Massimo Dell’Innocenti, Christina Delrio, Raffaella Di Blasio,  Luca Domenici, Annalisa Dorini, Nicoletta Fagiani, Vera Figuccia, Monica Fontana, Laura Forte, Paola Fortuna, Fiorella Frediani, Michela Gargini, Susanna Genovesi, Anna Rita Giammetta, Anna Gramegna, Angela Gravina, Valeria Gucciardo, Silvia Inglese, Isabelle Keller, Laura Maffei, Giuseppe Manes, Marilena Marincola, Stefania Materdomini, Silvia Medves, Margherita Messina, Elisabetta Monastero, Sara Montanaro, Orsola Moscarelli, Rossella Muller, Caterina Musolino, Annalisa Nacinovich, Annamaria Nardi, Osvaldo Ornaghi, Riccardo Paci, Paola Pagliariccio, Federica Parodi, Letizia Pasero, Patrizia Pesola, Paola Picchioni, Tiziana Pisani, Francesca Pontillo, Paola Pucci, Marimar Ramos, Cecila Romagnoli, Anna Maria Roventini, Damiano Salvi, Caterina Sbrana , Gloria Sbrana,  Serena Schepis, Emanuele Sepe, Patrizia Sileoni, Beatrice Silvi, Anna Taglioli, Michele Tocchet, Anita Lori Tomasino, Maria Rita Torquati, Girolamo Tropiano, Manuela Turini, Maria Grazia Valtriani, Giacomo Vanni, Paolo Vicari, Gloria Zanichelli

Liceo "Filippo Buonarroti" - Pisa

Ufficio Relazioni Pubblico

L.go Concetto Marchesi – PISA
Tel. 050970093 – 050570339
Mail: pips04000g@istruzione.it
PEC: pips04000g@pec.istruzione.it
Codice meccanografico: PIPS04000G
Codice fiscale: 80007050505

© 2018 Argo Software - Portale realizzato con la piattaforma Argo Web - Template Italia configurato sul tema accessibile EduTheme V.2.1.0 (Lake)